Крем: una crema di salmone da spalmare sul viso

 

 

Eccoci al secondo episodio degli aneddoti “lessicali”!

Come nel primo  anche in questo caso, da un simpatico episodio accadutomi realmente, ho tratto un insegnamento fondamentale per arricchire il mio vocabolario.

Febbraio 2014

Erano le prime settimane in cui mi trovavo a Mosca per il mio periodo di studio all’estero. Piano piano mi stavo cominciando ad abituare ai drastici sbalzi di temperatura tra l’interno degli edifici e l’esterno, ad utilizzare la piccola sporgenza fuori dalla finestra della mia stanza come frigorifero, considerato che non ne avevo uno e le temperature esterne garantivano comunque un’ottima conservazione di cibi e bevande. Mi stavo cominciando ad abituare a tante altre cose tra cui il fatto di cucinare per conto mio dopo la traumatica esperienza della mensa.

Ovviamente, dovendo cucinare io, preparavo piatti che conoscevo, quindi italiani. Un giorno mi era venuta una gran voglia di mangiare la pasta col salmone, uno dei miei piatti preferiti. E così decido di andare all’Ашан, l’orripilante traslitterazione della nota catena di supermercati Auchan che si trovava all’interno di un centro commerciale di fianco alla fermata della metro Университет.

Non mi ero nemmeno posto  il problema di cercare se effettivamente ci fosse anche in Russia la crema di salmone. Una tale prelibatezza doveva esistere in tutto il mondo.

Dopo mezz’ora di cammino, dieci minuti per uscire dal portone principale, dieci minuti per fare la scorciatoia che portava all’altra uscita  che dava sulla via principale senza dover aggirare tutto lo studentato e dieci minuti per attraversare la strada a tre corsie per ogni senso di marcia raggiungo il centro commerciale.
Solo verso la fine del mio periodo di soggiorno a Mosca realizzo che avrei potuto tranquillamente prendere un autobus che mi avrebbe fatto risparmiare un quarto d’ora…

Prima di mettere piede nel supermercato, cerco la traduzione di salmone su internet e trovo come risultato лосось.

E così, senza perdere troppo tempo a cercare il reparto che m’interessava, fermo il primo commesso che trovo e gli chiedo:

-“Извините пожалуйста где можно найти крем лосось?”

Il commesso, in tutta risposta, mi guarda con una faccia perplessa e dopo trenta secondi di imbarazzante silenzio in cui pensavo di aver sbagliato sicuramente la declinazione di лосось, il commesso risponde:

-“Крем? Вот туда!”

E indica un reparto poco distante. M’incammino e all’improvviso mi ritrovo circondato si da крем, ma крем per il viso, per le mani etc…
Eh già, mi aveva mandato nel reparto igiene per il corpo.

E così capisco che non avrei mai trovato la tanto agognata crema di salmone, ma capisco anche che la parola  крем viene utilizzata nello stesso modo in cui viene utilizzata la parola crema in italiano, almeno per quanto riguarda la cosmetica.
In seguito, facendo una ricerca più approfondita sui dizionari monolingue, ho scoperto che крем viene utilizzato anche nell’ambito gastronomico come in italiano, principalmente nella preparazione di dolci. Dunque si può dire che c’è una totale corrispondenza in termini d’uso con l’equivalente italiano. Questo è probabilmente dovuto al fatto che крем è un prestito dal francese crème.

E per quanto riguarda la pasta col salmone com’è finita? Beh, ovviamente non mi sono arreso e sono riuscito a trovare un valido sostituto, ovvero l’икра лосося, simile alla nostrana crema di salmone, ma con una consistenza più densa e un sapore più deciso.

Dell’икра ne parlerò meglio più avanti quando tratterò la cucina russa 😉

E tu hai aneddoti inerenti il cibo da raccontare? Scrivilo qui sotto nei commenti!

Ci vediamo al prossimo articolo!

Пока пока 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *