La declinazione di 444

L’articolo di oggi sarà un pò diverso dal solito. Non parlerò di differenze tra parole apparentemente simili tra loro, nè di aneddoti lessicali, nè di elementi della cultura russa. Eh no, non parlerò nemmeno della declinazione di 444.

Dunque perchè questo titolo? Il titolo si riferisce ad una domanda che mi è stata posta in uno degli ultimi esami di russo prima di laurearmi. Forse alcuni di voi non ci crederanno, ma mi è stato proprio chiesto: ” Rami, declinami il numero 444″. Puoi immaginare la faccia che ho fatto quando ho realizzato che la domanda era seria..

E per giunta era proprio l’ultima domanda dopo che avevo risposto bene a tutte le altre. Dopo lo shock iniziale ho provato comunque a rispondere, ma già al caso genitivo davo segni di cedimento e al dativo ho sventolato la bandiera bianca. L’esame alla fine l’ho passato lo stesso anche se per quella domanda ho perso 5 anni di vita 😀

Da quel momento in poi la declinazione di 444 ha rappresentato per me quell’aspetto dell’università eccessivamente accademico che si sofferma troppo sul particolare per poi perdere di vista il quadro generale, il vero obiettivo. Vedo nei vari gruppi facebook dedicati alla lingua russa molte persone che si disperano chiedendo ad esempio qual è la differenza tra aggettivi deboli e forti o facendo altre domande riguardanti altri aspetti di grammatica russa piuttosto avanzata, conoscenze richieste per passare gli esami. Il fatto è che anche se si acquisiscono queste conoscenze molto spesso si ha comunque difficoltà ad applicare la lingua russa nelle situazioni più semplici. Io stesso al terzo anno di triennale conoscevo probabilmente la grammatica russa meglio dei russi stessi, ma quando sono arrivato in Russia e mi sono immerso nella vita di Mosca, ho capito che oltre ad avere difficoltà comunicative, erano altri aspetti della lingua a fare la differenza, in primis il proprio vocabolario.

Con questo non voglio assolutamente svalutare la componente grammaticale di una lingua. La grammatica, quella di base, è fondamentale per porre le basi delle proprie conoscenze, ma quello che voglio intendere è che ad un certo punto diventa addirittura controproducente soffermarcisi troppo. Una volta acquisite le basi della grammatica bisogna lasciar spazio al lessico e ampliare quanto più possibile il proprio vocabolario e praticare l’ascolto e la conversazione il più possibile. Quando ci si concentra troppo sulla grammatica si rischia di perdere la motivazione e l’interesse per la lingua ed è questo il motivo per cui la maggior parte delle persone dice пока пока alla lingua russa prima del dovuto. D’altronde le persone solitamente cominciano a maturare interesse per una lingua straniera dopo aver fatto un viaggio o dopo aver conosciuto persone provenienti da altri paesi, non certo perchè attratti dalla sua grammatica. Questo perchè il punto centrale dell’apprendimento di una lingua è la comunicazione. Lo studio costante della grammatica rimane fine a se stesso, mentre arricchire il proprio vocabolario vuol dire avere una maggiore libertà d’espressione, vuol dire essere in grado di comunicare con l’altra persona nella sua lingua a prescindere dalla situazione in cui ci si trova, vuol dire instaurare una connessione con un’altra persona scavalcando le barriere linguistiche che ci potrebbero essere. E questo è proprio lo scopo di Lessicorusso 😉

Dunque, tornando al titolo dell’articolo serve sapere la declinazione di 444? Per me no anche perchè credo che nemmeno i russi non saprebbero declinare questo numero 😀

Se conosci qualcuno che ha delle difficoltà con il russo condividi con lui/lei questo articolo per tirarlo/a su di morale. Non serve buttarsi giù se non si conoscono perfettamente tutte le regole grammaticali. L’importante è saper comprendere quello che l’interlocutore ci sta dicendo e sapersi esprimere nelle situazioni più importanti. Il resto verrà da sè!

P.S. Parlando di lessico se vuoi ampliare il tuo vocabolario, secondo la mia esperienza la maniera più efficace e divertente è attraverso la lettura di brevi storie in russo con la spiegazione dei vocaboli alla fine di ogni storia.
Se ti interessa questo approccio, questo è il testo che fa per te!

Se invece preferisci prima consolidare le tue basi grammaticali attraverso un libro di esercizi dai un’occhiata qui

 Пока пока

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *